Vita da preti: alcune recensioni

25/01/2011

Di seguito alcune recensioni di “Vita da preti”. Per esteso quella di Camillo Langone pubblicata su Libero e su dagospia. Poi altre.

Gli abiti distruggono il monaco
La presente crisi della Chiesa è soprattutto una crisi del clero, perciò casca a fagiuolo l’esordio editoriale di Carlo Melina: “Vita da preti” (Vallecchi, pp. 192, euro 14,50). Melina è un giornalista giovane (nato nel 1979) ma la sa lunga: cresciuto in mezzo a Comunione e Liberazione (poi ci dev’essere stato qualche problema: «Ne sono uscito appena possibile, pur riconoscendo l’originalità del metodo giussaniano »), è nipote di un monsignore e ha vissuto per qualche tempo addirittura in Vaticano, come fosse una guardia svizzera.

Ma non è una guardia svizzera, se non altro perché è veneto e più del vin santo gradisce lo spritz. Il suo è lo sguardo giusto, ravvicinato ma non troppo, partecipe ma non obnubilato, per raccontarci la vita quotidiana dei preti, e se il sottotitolo promette “Grazie e disgrazie del ministero sacerdotale”, sappiate che manterrà innanzitutto le seconde, essendo le prime poco visibili con gli occhiali mondani del giornalismo d’inchiesta.

Non è un libro che aumenterà il numero di vocazioni, quindi, e la figura di prete che ne risulta è un ben poco affascinante povero prete, circondato da un mondo falsamente virtuoso che lo accusa di non fare l’impossibile. Il campione è parecchio significativo, Melina ha la stoffa dell’inviato e ha macinato non so quanti chilometri per incontrare e intervistare preti giovani e preti vecchi, parroci di provincia e prelati romani, sacerdoti che vivono in mezzo alla gente e monaci che hanno scelto di menare vita romita in mezzo ai boschi.

Una gran varietà di casi ma la stessa malinconia, quel grigiore comune che deriva dall’aver gettato la tonaca alle ortiche pur continuando a pregare e a celebrare. Uomini interiormente preti ma esteriormente spretati, come fossero seguaci di una religione intimista e disincarnata, insomma più gnosticismo che cristianesimo. C’è il salesiano che indossa t-shirt con scritto “Boss”: anziché su “Don Camillo” e “Il grande silenzio” si sarà formato su “Scarface”.

C’è il prete ciellino in maglioncino, speriamo senza marchiettino. C’è il neocatecumenale in «mocassino povero, pantalone nero, camicia grigia stretta dal collarino». C’è il parroco di Firenze che ho conosciuto anch’io e quindi posso confermare, si chiama Roberto Tassi e davvero apre la chiesa che fu di Dante con la camicia di pile, i turisti lo prenderanno per l’uomo delle pulizie (si lamentano che la confessione è in declino, ma se un prete nemmeno lo riconosci come fai a chiedergli l’assoluzione?).

Perfino il monaco camaldolese si presenta al giornalista in indumenti borghesi, dice che «la facoltà di portare la tunica è libera», compiacendosi di un’accezione di libertà oltremodo meschina: la libertà di vestirsi come tutti, la libertà di essere conformisti.

Molti preti cattolici intervistati da Melina vestono da pastori protestanti ovverosia da eretici, indossando il becchinesco clergyman (giacca e pantaloni neri con camicia dello stesso colore oppure grigia), che già dal nome anglofono non c’entra nulla con Santa Romana Chiesa. Solo un prete compare in queste pagine in talare e guarda caso celebra in latino: «Vestirsi così funziona meglio di tante prediche. Il sacerdote da quando ha riposto l’abito è diventato talmente vicino alla gente da essere sparito ». Poi però quando Melina commosso da tanto fervore gli chiede il permesso di passare al tu ecco che il don si irrigidisce, rifiuta l’intimità. Ma non eravamo tutti fratelli? Non siamo, noi cristiani, quelli che danno del tu addirittura a Dio? Troppe incrostazioni, troppe contraddizioni minano la testimonianza di consacrati che sembrano fare di tutto per smentirsi e offrire il fianco alle critiche.

L’unico che sembra avere capito tutto è l’esorcista ultranovantenne: «La colpa è molto cattiva coi preti. Colpa dell’azione subdola del demonio». Giusto, solo il Maligno può spingere gli ignoranti e gli invidiosi ad accusare di cupidigia questi uomini scalcagnati. «Il problema è il cappotto» confessa un intervistato. «Il mio ha trent’anni, l’ho ricevuto in eredità da un vecchio prete che ora è morto». Allegria!

Il Tempo
Intervista a Telechiara
Il Sole24ore
Il Mattino di Padova
Il Foglio
ToscanaOggi
Il Corriere dell’Irpinia
Il Corriere del Veneto
L’Indro
Nuova Scintilla
Messaggero Veneto

Annunci

Una Risposta to “Vita da preti: alcune recensioni”

  1. Evil Says:

    Un libro notevole, subito in wishlist.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: