Parlare veneto, pregare in latino

02/11/2010

Se la bestemmia è veneta, dal motu proprio “Summorum Pontificum”, promulgato da papa Benedetto, la preghiera è sempre più latina, tanto nell’urbe, quanto nell’orbe marciano, laddove gli affezionati della “forma speciale” del rito sembrano essere i più veneti di tutti. A Verona, Venezia, Padova, Treviso (a Vicenza un po’ meno, complice l’ex vescovo progressista mons. Nosiglia, recentemente trasferito a Torino con onere e onor di porpora) sacerdoti latinisti celebrano secondo il messale di Pio V di fronte, anzi, di spalle, a donne col capo coperto e uomini silenziosi, uniti da una fede non solo spirituale, che abbraccia spada e libro marciani. Solenne e preziosa è la messa di don Vilmar Pavesi, che nella chiesa veronese di Santa Toscana comunica e benedice venetisti della prima ora come Maurizio Ruggero, crociato televisivo antigay e coordinatore del movimento legittimista Sacrum Imperium, che ogni anno ricorda con messa, fucili e insegne della Serenissima, l’insorgenza antifrancese di Verona fidelis, avvenuta nel 1797. Secondo Ruggiero l’homo venetus ama il rito tridentino anzitutto perché riferisce se stesso all’orizzonte ideale antecedente il 1789, quello dell’ancien régime e del grande impero ecumenico sacro, romano e cristiano, che aveva nella Venetia una meravigliosa Svizzera affacciata sul mare, e che oggi ha in Verona una delle roccaforti della militanza antiborghese. Di diverso avviso è Nicolò Calore, ventiquattrenne rugbista padovano, goliarda, membro del tribunato degli studenti del Bo, due spalle da far paura al meglio armato fra i giacobini. Calore ha il suo punto di riferimento nella chiesa di San Canziano, a Padova, ma non disdegna trasferte nelle highlands scozzesi dove il latino risuona da tempi immemori: “Venezia ha costruito la sua fama come come potenza commerciale e ha goduto di privilegi in virtù della laicità e della privatezza della sua politica estera” spiega Calore. “Ciò che l’ha resa veramente grande, però, è stato il suo impegno nella vittoriosa battaglia di Lepanto, quando, attorno al Leone, si sono riunite tutte le forze cristiane. Siamo nel 1571, quando il papa era Pio V, lo stesso del concilio di Trento, lo stesso che ha promulgato il messale tridentino. I venetisti sono affezionati alla forma speciale del rito perché era la forma in uso al momento della massima grandezza spirituale e militare della Serenissima. Non a caso, in quel periodo, Ignazio di Loyola scelse di essere ordinato sacerdote proprio a Venezia”. Più cauto, anzi, decisamente schivo, fugge ogni accostamento fra Serenissima e latino l’eroico Fausto Faccia, uno dei protagonisti di un’impresa più recente ma non meno gloriosa, leggi l’assalto al campanile in piazza San Marco. Faccia frequenta la chiesa dei Santi Simeone e Giuda Taddeo Apostoli, vulgo San Simeon Piccolo. Sarà che lì a celebrare è un religioso tedesco della Fraternità San Pietro, al secolo Konrad von Löwenstein, figlio di Rupert, manager dei Rolling Stones, gruppo che inneggiava alla “Sweet Virginia”, mica a San Marco.

Pubblicato su il Foglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: